Durante il processo di creazione di una pagina web e in modo particolare nella fase della sua ottimizzazione per i motori di ricerca, spesso ci si trova di fronte alla scelta della struttura ideale e a come ottenerla anche tramite i cosiddetti heading tags

Essi sono un importante fattore di ranking in quanto vengono presi in considerazione dai bot dei motori di ricerca, che li utilizzano per comprendere immediatamente il contenuto della pagina.

Cosa sono gli heading tags?

Gli heading tags (o tag di intestazione) sono ancore HTML che guidano il visitatore alla lettura dei contenuti di una pagina web. In particolare essi definiscono sezioni di contenuto, divise per importanza, scelte dallo sviluppatore. 

Gli heading tags sono in tutto 6 (<h1>, <h2>, <h3>, <h4>, <h5> e <h6>) e devono indicare correttamente il contenuto dei paragrafi appartenenti alla sezione da loro definita.

Prima dell'avvento di HTML5 veniva quasi esclusivamente utilizzato il tag <h1> che racchiudeva tutto il contenuto della pagina. Successivamente i motori di ricerca cominciarono a dare molta più attenzione alla struttura gerarchica delle pagine. I contenuti quindi hanno richiesto una divisione più precisa in base all'importanza delle informazioni.

Bisogna inoltre ricordare che dal punto di vista visivo, gli headings hanno un impatto maggiore rispetto al testo normale (se non modificate attraverso i CSS), grazie ad una grandezza e un peso dei caratteri più alti.

Gli heading tags e la SEO

Il rapporto tra gli headings e la SEO è sempre stato oggetto di discussione. Basti pensare che nel 2015, secondo una ricerca di SearchMetrics, due pagine su cinque non avevano heading tags impostati correttamente.

Negli ultimi anni tuttavia la tendenza è decisamente cambiata. In particolare i risultati delle ricerche hanno dimostrato che inserire le keyword corrette all'interno dell'H1 (l'heading più importante dopo il Title) aiutava il posizionamento della pagina poichè i bot dei motori di ricerca riuscivano immediatamente a capire il contenuto espressi e quindi a collegarli alle ricerche degli utenti.

Anche dal punto di vista dell'usabilità e dell'esperienza utente gli heading tags sono molto importanti. Quando un utente seleziona un risultato presentato nelle SERP, rinforzare i termini contenuti nelle query della ricerca stessa con un heading strutturato correttamente, indica che la pagina scelta contiene le informazioni necessarie e che di conseguenza vale la pena di essere consultata per intero.

Come si utilizzano correttamente gli heading tags

Molti sviluppatori spesso non comprendono il tipo di rapporto che esiste tra i diversi tipi di heading tag e focalizzano la loro attenzione sul numero di headings utilizzati per pagina. Ciò che veramente conta tuttavia è il posizionamento degli heading tags. Nonostante l'<h1> rappresenti l'heading più forte, se in una pagina vengono utilizzati soltanto <h3> o headings di minor valore, il primo <h3> della pagina dal punto di vista SEO avrà la stessa forza di un <h1>.

Un altro punto focale di cui è importante discutere è la struttura gerarchica di cui abbiamo accennato in precedenza. E' molto importante infatti, quando si utilizzano gli headings di diverso valore, non saltare mai livelli di importanza. Essi devono corrispondere a sezioni che si aprono e si chiudono. Se in una pagina viene utilizzato un <h1> come heading principale, esso deve essere seguito da un <h2> e non per esempio da un <h3>. E' tuttavia possibile invertire il senso della gerarchia. Per esempio dopo un <h4> è possibile utilizzare un <h2> anche saltando l'<h3>, sempre mantenendo successivamente l'ordine corretto nella gerarchia decrescente (dopo questo h2 deve essere inserito un h3 e così via).

Quanti headings si possono utilizzare in una pagina web?

Nonostante sia stato chiarito che sia più importante il posizionamento degli headings rispetto al loro numero totale, è buona prassi, dato il loro scopo principale di definizione di sezioni di contenuti, non esagerare con il loro utilizzo.

Di norma infatti è opportuno non utilizzare più di un <h1>: è l'heading più forte e definisce il contenuto della pagina. Utilizzarne diversi rischierebbe di confondere sia gli utenti che i bot dei motori di ricerca. Per quanto riguarda gli altri headings il numero non incide dal punto di vista SEO purchè siano utilizzati correttamente come spiegato precedentemente.

Conclusioni

Gli heading tags sono lo strumento HTML corretto per dare una struttura ordinata ai contenuti delle pagine web. Essi permettono di mettere in risalto direttamente le informazioni necessarie a rispondere alle domande dell'utente e permettono ai motori di ricerca di identificare subito i contenuti espressi al fine di aumentare il posizionamento della pagina nelle SERP.